Programmazione
9 LUGLIO - Careni presenta
Libera Associazioni Nomi e Numeri contro le mafie + dott. Pasquale Borsellino
Trama
Careni presenta l’avv. Maria Grazia Martelli per la Rete di Libera, Ass.ni Nomi e Numeri contro le mafie, Coordinamento di Treviso e il dott. Pasquale Borsellino, parente di vittime di Mafia

Libera é una rete di associazioni, cooperative sociali, movimenti e gruppi, scuole, sindacati, diocesi e parrocchie, gruppi scout, coinvolti in un impegno non solo “contro” le mafie, la corruzione, i fenomeni di criminalitá, ma profondamente “per” la giustizia sociale, la ricerca di veritá, la tutela dei diritti, una politica trasparente, una legalitá democratica fondata sull’uguaglianza, una memoria viva e condivisa, una cittadinanza all’altezza dello spirito e delle speranze della Costituzione.
Nata nel 1995 da un’idea di Don Ciotti, Libera é presente su tutto il territorio italiano in 20 coordinamenti regionali, 83 coordinamenti provinciali e 304 presidi locali. Sono 80 le organizzazioni internazionali aderenti al network di Libera Internazionale, in 35 Paesi d’Europa, Africa e America Latina.

Oltre 4.000 sono i giovani che ogni estate partecipano ai campi d’impegno e formazione sui beni confiscati, circa un migliaio quelli che animano progetti di tutela ambientale in collaborazione con Carabinieri Forestale. Oltre 5.000 le scuole e le facoltá universitarie impegnate insieme a Libera nella costruzione e realizzazione di percorsi di formazione e di educazione alla responsabilitá e legalitá democratica.

Il Dott. Pasquale Borsellino vive a Castelfranco Veneto ed é Psicologo e Psicoterapeuta, é stato direttore dell’Unitá operativa Infanzia adolescenza famiglia del distretto di Castelfranco Veneto e Montebelluna dell’Ulss 2 ed é uno dei parenti di vittime di mafie che ancora lotta per la veritá e la giustizia sulle morti di suo fratello Paolo e del padre Giuseppe, imprenditori di Lucca Sicula che non vollero cedere alla mafia. Il 21 aprile 1992 Paolo fu trovato dal padre Giuseppe ucciso con un colpo al cuore. A nulla sono valsi tutto il suo impegno e la volontá di collaborare con la giustizia, il 17 dicembre, a 54 anni, alle 4 del pomeriggio, venne assassinato con 37 colpi di kalashnikov nella piazza del paese, un monito, un messaggio chiaro rivolto a tutti coloro che sapevano e che avrebbero potuto seguire il suo esempio, collaborando con la magistratura.
Orari
Sabato 9 Luglio ore 20.30
ENTRATA GRATUITA

MARTEDI 19 LUGLIO - Careni presenta
57° giorno, le nostre memorie Con Rosy Bindi
Trama
57° giorno, le nostre memorie

I nostri attivisti hanno realizzato un video con testimonianze sia di attivisti, che di amici originari del sud che ora vivono qui.

La nostra ricerca è partita da queste semplici domande:
1.Ti ricordi il momento in cui hai scoperto degli attentati di Falcone e Borsellino? Cosa stavi facendo, cosa hai provato?
2.Cosa è cambiato, ad oggi? La mafia esiste ancora, è presente nella vita delle persone comuni? c'è differenza tra il vivere al sud o al nord?

Le persone che abbiamo intervistato hanno avuto molto da dire e da raccontarci. Le ringraziamo sentitamente per essersi aperte con noi ed averci donato la loro testimonianza. Purtroppo per esigenze tecniche abbiamo dovuto selezionare i contenuti, ma stiamo giá pensando a produrre un podcast dove queste 'parole' troveranno lo spazio che meritano.

ROSY BINDI:
Donna politica italiana (n. Sinalunga 1951). Laureata in scienze politiche, allieva e poi assistente di V. Bachelet, è stata vicepresidente dell'Azione cattolica (1984-89). Eletta nel 1989 per la Democrazia cristiana al Parlamento europeo, è stata presidente della Commissione petizioni e diritti dei cittadini. In seguito alla disgregazione della Democrazia Cristiana, passó al Partito popolare, di cui divenne segretario regionale del Veneto. Deputato dal 1994 al 2018, aderí alla coalizione di centrosinistra L'Ulivo guidata da R. Prodi, e fu ministro della Sanitá nel governo Prodi e nei due successivi governi D'Alema (maggio 1996 - apr. 2000). Confluito il Partito popolare nella Margherita, continuó a sostenere Prodi, nel cui secondo governo resse il ministero delle Politiche per la famiglia (maggio 2006 - maggio 2008). Convinta sostenitrice della nascita del Partito democratico, ne è divenuta presidente nel nov. 2009, carica dalla quale si è dimessa nell'apr. del 2013. Nell'ott. dello stesso anno è stata eletta presidente della Commissione antimafia, carica ricoperta fino al marzo del 2018. (tratto da www.treccani.it)
Orari
MARTEDI 19 LUGLIO ORE 18.30

Consigliamo caldamente la prenotazione,
il luogo per motivi organizzativi non è al momento definito, ma avviseremo sui social e via mail chi si prenota.
Avvisiamo inoltre che durante la manifestazione Pieve di Sera la viabilitá sará modificata.